Chi Siamo

 

Stefano Cianti (maestro d’arte) e Tony Ranocchia (musicista)

Foto: Arianna Pieragostini

 

COLORI SULLA PELLE DEL SUONO

Un progetto nato per caso dall’incontro fortuito dei due artisti della provincia di Viterbo nel 2014, grazie al quale prende forma nell’immediato un percorso e un dialogo d’intesa artistica tra i due linguaggi della musica e della pittura, dove, a volte è la pittura che nasce dalla musica, altre, come nel caso del loro cd-opera Frequenze, dalla pittura che nasce la musica. Riproposto dal vivo in mini o grandi performance d’élite a volte in fusione anche con altre forme d’arte come la danza, la recitazione e/o con eventi omaggio ai Pink Floyd per la grande passione che li lega a loro da anni. 

 



 

“Apro gli occhi, in silenzio, osservo davanti a me, la bianca pelle della tela
Carico il gesto, nel segno, nel colore
davanti a me, infinite emozioni prendono forma, e mutano in un graffiante suono…
Si, questa è la melodia, la colonna sonora del mio cercare dentro e fuori
la consapevolezza di non essere più una forma chiusa, ma di vivere, la dimensione dell’assoluto
Apro gli occhi, e sono vento, luce, colore…colori sulla pelle del suono” 

 

 

Stefano Cianti

Dopo aver conseguito il diploma di maestro d’arte nel settore “ceramica” presso l’istituto d’arte di Civita Castellana (VT) si iscrive all’Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo”. Nel 1997 consegue il diploma di laurea presso l’accademia viterbese dopo aver trascorso, ai fini della stesura della tesi, un periodo di studio nella Nuova Accademia di Milano. Artista poliedrico, si esprime con diverse tecniche. Il suo lavoro spazia dalla decorazione artistica per luoghi pubblici e privati alla creazione di oggetti in ceramica (complementi d’arredo e sculture) e alla pittura a grisaglia su vetro. Nella ricerca il suo interesse è rivolto verso le infinite possibilità espressive della pittura e della scultura. Continua su: www.stefanocianti.com  

Tony Ranocchia

Chitarrista autodidatta da oltre vent’anni fortemente influenzato dallo stilo e dalla scuola di Knopfler/Gilmour e da tutti quelli della sei corde dove il  gusto e la passionalità riescono sempre ad essere trasmessi quando si suona. Numerose esperienze live e in studio, é membro fondatore dei RESET, nota band della Tuscia con oltre 15 anni d’attività e più di 300 concerti alle spalle, conosciuti per essere l’unico tributo ai NEGRITA ad aver suonato e collaborato con FRANKY (bassista) e ZAMA (batterista) della famosa band d’Arezzo, con il privilegio di essere stati scelti direttamente dagli stessi tra le tribute in Italia il 28 ottobre 2016 a rappresentarli e supportarli sul palco del Planet di Roma per la loro reunion a “Briciole di Rock”, concerto di beneficenza per i terremotati del centro Italia. Continua su: www.resetonweb.it